L’inverno sta arrivando: pronti ad affrontarlo?


L’antica saggezza dei nostri antenati ci ricorda di conservarci durante i mesi invernali, di stare al caldo, di riposare di più, di non mangiare cibi freddi, di consumare ciò che la stagione nelle nostre zone ci offre … ricordiamo che la natura ci dà tutto ciò che ci serve per vivere bene. A noi sta saperlo osservare!
Questo è il periodo di transizione che dal movimento metallo (autunno) porta al movimento acqua.

Il 21 dicembre avrà inizio ufficialmente il solstizio d’inverno.

I sogni associati all’elemento acqua parlano di navi, imbarcazioni, di gente che nuota, gente che annega, il giacere nell’acqua e averne paura, essere inquieti, sensazione di separazione tra alto e basso del nostro corpo, sprofondare in acqua, essere in prossimità di un burrone…

I tre mesi dell’inverno sono chiamati: “chiudere e tesaurizzare”.
L’acqua gela, la terra si screpola; nessuno stimolo viene più dallo
yang.
Ci si corica presto, ci si alza tardi, ci si rimette per tutto alla luce del sole.
Si esercita il volere come sotterrati, come nascosti, come rivolti solamente verso di sé, come occupati a possedersi.
Si sfugge il freddo, si ricerca il calore, non lasciando sfuggire nulla attraverso gli strati della pelle, per paura di essere pericolosamente sforniti dei propri soffi.
Così ci si conforma ai soffi dell’inverno, la via per il mantenimento della tesaurizzazione della vita.
Andare controcorrente porterebbe danno ai reni, causando in primavera, invalidità e reflussi, per insufficiente apporto all’impulso vitale.

(Huangdi Neijing Suwen, capitolo II)

fioccodineve

Avevo già parlato di movimento acqua in questo post, ricordate?

L’elemento Acqua rappresenta l’essenza vitale – energia ancestrale

(In inverno) La gente dovrebbe ritirarsi presto la sera e alzarsi tardi il mattino per conservare le energie.

I reni sono come gli ufficiali che si occupano dell’energia, eccellenti per abilità e intelligenza. Sono come un globo che  immagazzina l’essenza vitale e l’ingresso allo stomaco (contribuisce a putrefazione ed eliminazione lasciando libero lo stomaco di lavorare) lasciandone libera e pulita l’energia.

La vescica urinaria è una sacca, è l’ufficiale di distretto che immagazzina l’eccesso di secrezioni fluide che regolano l’evaporazione e le elimina consentendo al corpo di non avvelenarsi. L’incapacità di adattamento/fluire, gli eccessi di rigidità portano a problemi di Vescica.

Un buon equilibrio dell’elemento acqua porta a:

  • buon equilibrio idrico nel corpo e corretta minzione
  • pensiero fluido
  • articolazione forti e ben lubrificate
  • tutto scorre liberamente nel corpomente

Quando l’elemento acqua è in squilibrio, il torrente dentro di noi se dovesse arrivare la pioggia, troverà il passaggio intasato, diverrà torbido e porterà con sè detriti. Se non piove, la siccità ne diminuirà la portata e lo scorrimento. Quindi:

  • fragilità articolare
  • secchezza generalizzata
  • difficoltà ad urinare, disturbi vescicali
  • disturbi sessuali
  • squilibri di traspirazione
  • pensiero poco scorrevole
  • emozioni incagliate
  • sensazione di sopraffazione e paure ingiustificate
  • apatia e svogliatezza

I colori del movimento acqua sono i toni dal blu al nero, osserviamoli anche sulla

pelle del viso! Ad esempio guardiamo come stanno i nostri occhi: abbiamo le occhiaie?

L’emozione che vibra con l’elemento acqua è la paura. “La paura estrema fa male ai reni ma può essere vinta con la contemplazione”. Paura della gente, paura dell’altezza, paura dell’acqua, paura del sesso, paura degli spazi chiusi… paura…

La facoltà garantita da questo elemento è la capacità di tremare. Scarica la concentrazione, le tensioni oppure ci segnala la presenza di un disturbo che si sta cronicizzando o che al momento ci sta impoverendo energeticamente.

L’aspetto spirituale accumulato nell’elemento acqua sono la forza di volontà  e l’ambizione: i reni chiamano in vita quello che è addormentato e sigillato. Sono gli organi deputati all’immagazzinamento dell’energia.
Più l’elemento acqua è pulito e scorrevole e più la nostra determinazione è potente.

Il cereale associato all’elemento acqua è il grano, il frutto è il dattero, la carne è quella di maiale e gli animali con le scaglie quindi il pesce in generale.

tisana-calda
Fermati e riposati un po’ al caldo…

I vegetali adatti sono fagioli, piselli e porro.

Un inverno vissuto con rispetto ci conduce ad una primavera piena di energia vitale: rispettiamo i nostri tempi, riposiamo il più possibile, mangiamo secondo natura e cerchiamo di bere tisane calde.

La radice di zenzero in questo periodo è perfetta…

SaraMaite

(© Max Pier 2016)


Immagini da web appartenenti ai legittimi proprietari

Le informazioni qui contenute hanno solo scopo divulgativo. Per qualsiasi questione inerente la salute, rivolgersi al medico di fiducia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...